Leggere è previdente! Questo mese: "Pensieri lenti e veloci" il libro del premio Nobel David Kahneman

di Pegaso pubblicato il 14/07/2014
 
"Pensieri lenti e veloci", l'opera del premio Nobel Daniel Kahneman che accompagna il lettore in un viaggio che spiega i due fondamentali meccanismi della mente umana.
 
Da una parte l’intuito, la scelta irrazionale, il pensiero immediato; dall’altra la logica, la razionalità, la scelta meditata. Kahneman esplora le straordinarie capacità, e anche gli errori e i pregiudizi, del fast thinking, un sistema di pensiero che influenza profondamente i nostri comportamenti e le dinamiche della società e dell’economia. Allo stesso modo lo slow thinking, pigro e più costoso in termini di energie psichiche, è efficace quando risolve la distorsione delle scelte istintive.
 
La confidenza nei mercati, le difficoltà nel predire cosa ci farà felici in futuro, le scelte sul lavoro o in famiglia, i nostri investimenti economici o finanziari: attraverso esperimenti, esempi concreti e casi comuni questo libro risponde alla domanda fondamentale sul perché a volte agiamo d’istinto e altre volte dopo attenta riflessione.
 
Un’opera assolutamente unica, frutto di un lavoro decennale di studio della mente, che cambia la concezione che abbiamo del mondo e degli esseri umani.
 
Proponiamo questa lettura perché la necessità di studiare il comportamento delle persone diventa essenziale nel contesto delle decisioni pensionistiche, dove il sistema 2 (consapevole, deliberativo, lento, se non addirittura pigro, faticoso da avviare, riflessivo, educabile ed educato) dovrebbe essere fondamentale, ma a causa delle sue ridotte capacità di elaborare soluzioni complesse, lascia strada aperta al sistema 1 che nel contesto della previdenza complementare italiana non dispone di soluzioni facili e intuitive e quindi preferisce soluzioni basate sull’inerzia, del tipo “mi tengo il Tfr”, “sono giovane ed ho tempo per pensarci”, “verso il minimo”, “rimango nel comparto dove mi sono iscritto”.
 
 

1 Commenti

  1. Osservazioni condivisibili
    inviato da Marco il 05/08/2014

    Osservazioni condivisibili. Del resto i vantaggi della previdenza complementare sono soprattutto fiscali e quindi per la complessità necessitano di una mente razionale, come del resto quella di chi sottrae risorse oggi per ritrovarsele in futuro.
    In definitiva: poche speranze di rilancio per i fp in italia fino a quando l'adesione rimarrà volontaria

Lascia un commento

Fondo Pegaso è aperto ai commenti degli utenti . Verranno rimossi i messaggi chiaramente ingiuriosi.


condividi su: