Comparto Garantito

Il comparto “Garantito” di Pegaso assicura all’associato la garanzia del capitale al netto dei costi di gestione (fino al 31/12/2022).
Il Gestore al quale gli organi di Pegaso hanno affidato la gestione del “comparto Garantito” è Pioneer Investment Management.

Le caratteristiche del comparto Garantito

Finalità della gestione: Protezione del capitale investito, attraverso investimenti prevalentemente in titoli di stato ed obbligazioni di emittenti nazionali ed esteri. Il comparto Garantito, destinato ai sensi di legge ad accogliere il TFR conferito tramite il meccanismo del silenzio-assenso, risponde anche alle esigenze di un lavoratore che è ormai prossimo alla pensione e sceglie un impiego dei contributi con garanzia di risultato al fine di consolidare il proprio patrimonio.

Orizzonte temporale: Breve periodo

Grado di rischio: Molto basso con le garanzie di seguito indicate.

Garanzia: il comparto è caratterizzato da una garanzia di restituzione del capitale, per gli aderenti che avranno mantenuto la propria posizione nel comparto fino al 31/12/2017 e, successivamente a tale data, fino al 31/12/2022. La garanzia di capitale viene inoltre riconosciuta, nel corso della durata della convenzione stipulata con il gestore, nei seguenti casi di riscatto della posizione individuale:

  • esercizio del diritto alla prestazione pensionistica ex art. 11 comma 2 del Decreto;

  • riscatto per decesso;

  • riscatto per invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità lavorativa a meno di un terzo;

  • riscatto per inoccupazione per un periodo superiore a 48 mesi.

L’aderente godrà, in aggiunta alla garanzia di restituzione del capitale, vale a dire dei contributi versati al netto dei costi posti direttamente a suo carico (quota di iscrizione e quota associativa), del consolidamento annuo dei rendimenti conseguiti. Quindi la posizione individuale dell’aderente per il quale si è verificato uno degli eventi sopra evidenziati, sarà pari al maggior importo risultante dalle seguenti metodologie di calcolo:

Metodologia  di calcolo 1 - la totalità del capitale conferito relativamente alla posizione individuale dell'aderente (ossia il valore nominale delle quote al netto della fiscalità e dei costi a carico dell’aderente) costituito dai versamenti periodici, inclusi eventuali importi derivanti dai trasferimenti e versamenti effettuati anche dal reintegro delle anticipazioni e dai quali vanno dedotti gli importi di eventuali anticipazioni e riscatti parziali;

Metodologia di calcolo 2 - la sommatoria delle quote attribuite all’aderente valorizzate per la c.d.  “quota di mercato” (ossia il valore della quota nell’ultimo giorno di calendario del mese in cui si è verificato l’evento);

Metodologia di calcolo 3 – la sommatoria dei valori risultanti dalla valorizzazione delle quote attribuite all’aderente secondo i seguenti principi:

a) Per il periodo che intercorre dal primo gennaio dell’anno in cui si è verificato l’evento fino al giorno dell’evento stesso, ciascuna quota viene valorizzata al maggiore tra il valore nominale e la “quota di mercato”;

b) Con riferimento agli anni precedenti a quello in cui ha avuto luogo l’evento, si considerano anche le c.d. “quote consolidate” (ossia  il valore della quota al 31 dicembre di ogni anno solare). Ciascuna quota viene pertanto valorizzata considerando il maggiore tra:

·       il valore nominale;
·       la “quota di mercato”;
·       la “quota consolidata” dell’anno di riferimento;
·       la “quota consolidata” degli anni successivi.
N.B.: qualora alla scadenza della convenzione in corso venga stipulata una convenzione che, fermo restando il livello minimo di garanzia richiesto dalla normativa vigente, contenga condizioni diverse dalle attuali, Pegaso comunicherà agli iscritti interessati gli effetti conseguenti.

Politica di investimento
La gestione delle risorse prevede l’utilizzo di strumenti finanziari prevalentemente di tipo obbligazionario. Gli investimenti in strumenti finanziari di tipo azionario non superano il 10% del patrimonio del comparto.
La componente obbligazionaria viene investita principalmente in titoli denominati in euro emessi da Stati, organismi sovranazionali e altri emittenti con elevato merito di credito (rating). La componente azionaria viene investita in titoli quotati nei principali mercati dell’area OCSE  operanti in tutti i settori merceologici.
Gli investimenti in titoli denominati in valuta estera non possono superare il 5% del patrimonio del comparto.
Al fine di realizzare un’efficiente diversificazione del portafoglio è previsto l’utilizzo di Fondi comuni di investimento (OICR). Nel caso di investimenti in quote di OICR i limiti di investimento di ogni singolo OICR devono essere compatibili con quelli previsti per l’investimento diretto in titoli.
Non è consentito l’utilizzo di strumenti finanziari derivati con finalità speculativa.

Stile di gestione: il Gestore adotta uno stile di gestione che prevede, nei limiti sopra descritti, una composizione degli investimenti coerente con la garanzia di restituzione del capitale e con l’obiettivo di rendimento atteso che lo stesso si impegna a corrispondere agli aderenti del comparto.

Il benchmark, ai fini della definizione dell’obiettivo del rendimento e della commissione di incentivo, è così costituito:

75% indice FOI + 1,5% Indice FOI = indice dei prezzi al consumo per le Famiglie di Operai ed Impiegati, accertato dall'ISTAT.

Il benchmark, ai fini del controllo della gestione e della rischiosità, si compone per il 95% di indici obbligazionari e per il 5% di indici azionari, ed è così costituito:

  • 95% BofA Merrill Lynch 1-3 Year Euro Government Index in Euro;
  • 5% MSCI The World Index Total Return Net Dividend in Euro.

 

condividi su: